VINI DELL'ANIMA

Esperienza consapevole di vino e cibo.

giovedì

24

gennaio 2013

Lacrima di Morro d’Alba di Stefano Mancinelli, sogno di un vino marchigiano

Scritto da , nella categoria Le degustazioni

"Lacrima di Morro d'Alba di Stefano Mancinelli"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se si parla di Morro d’Alba viene facile alla mente uno dei paesi delle Langhe, più raro il collegamento alle Marche. Morro d’Alba è un piccolo paese in zona appena collinare in provincia di Ancona, non distante dal mare Adriatico. La c’è un vitigno, il Lacrima, che da qualche decennio ha un ruolo di tutto riguardo tra i rossi italiani.

 

"Stefano Mancinelli"

 

Colui che ha riscoperto e creduto in questo vitigno/vino, attraente già dal nome, lanciandolo alla ribalta del mercato è Stefano Mancinelli dell’omonima cantina. Quando nel 1985 il Lacrima di Morro d’Alba ricevette la denominazione d’origine controllata, il riconoscimento avvenne su sette ettari di cui quattro posseduti da Mancinelli.

Oggi da quegli ettari che sono diventati tredici viene prodotto il Lacrima base, il Lacrima superiore, il Terre dei Goti ovvero  un Lacrima passito ma secco, il Re sole vino dolce ottenuto da uve fatte appassire e il Sensazioni di frutto ottenuto da macerazione carbonica.

 

"Grappolo di Lacrima di Morro d'Alba"

 

 

Dunque di questi vini ho assaggiato ripetutamente il Lacrima di Morro d’Alba superiore 2009, ahimè ultima bottiglia nella mia cantinetta. Ottenuto da un’unica vigna di due ettari, le piante più vecchie hanno circa quarant’anni, allevate su terreno argilloso ove l’acqua filtra un po’.

Questo Lacrima è prima di tutto un godimento per l’occhio, viola acceso proprio come il fiore. Intenso nel profumo di rosa viola e piccoli frutti di bosco, soffusa la speziatura. È tipicamente  e spiccatamente aromatico, intrigante.

L’assaggio è vibrante, li per li ha un modo suadente e pur energico su un corpo corretto. Saporoso e asciutto. Profumi  in perfetta corrispondenza con l’olfatto. Il primo sorso è già ricordo, ma la mente e i sensi sussultano, il bicchiere è nuovamente pieno!


Ti potrebbe interessare:

2 Commenti

  1. Marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *