VINI DELL'ANIMA

Esperienza consapevole di vino e cibo.

giovedì

17

luglio 2014

Promozione errata? Effetto Boomerang!

Scritto da , nella categoria Notizie e approfondimenti di Vinidellanima

"Promozione errata effetto boomerang"

È importante non solo saper fare, ma anche far sapere! Essere bravi produttori di vino, e in Italia sono moltissimi, non è sufficiente bisogna anche comunicare correttamente il proprio prodotto. Scontato penserete voi! Non esattamente, molta è la strada ancora da percorrere e l’episodio a cui ho assistito alcuni giorni fa in una enoteca di Udine me lo ha confermato.

Una produttrice di vino lamentava con la titolare del locale che dopo diversi mesi numerose bottiglie del suo pignolo fossero ancora invendute. Quelle bottiglie riportavano in etichetta unicamente un nome di fantasia, di pignolo neanche l’ombra! Questo è un esempio di promozione ben poco efficace, anzi non corretta e il risultato è quello che ho chiamato “effetto boomerang”.

La qualità di un prodotto è soltanto uno dei fattori che ne determinano il successo: è basilare tra un gruppo anche ristretto di clienti che cercano, appunto, soltanto la qualità, e si segnalano i migliori prodotti per passaparola.

Ma quando un vino deve essere commercializzato, bisogna mettere in azione molti altri fattori, come il nome, il marchio, che evoca l’immagine del prodotto o del produttore sul mercato, la confezione (forma della bottiglia, etichette, contenitore: cassa di cartone o di legno?), canale di distribuzione e punti di vendita (supermercato o bottiglieria?), pubblicità  generica o con un testimonial (ricordate Mike Bongiorno con la grappa Bocchino?), infine il prezzo che non può essere una “variabile indipendente” dagli altri fattori.

Per gestire il sistema armonicamente ci vuole una cultura multipla che rimane ancora al di fuori, per quanto ne capisco, da molti produttori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *