VINI DELL'ANIMA

Esperienza consapevole di vino e cibo.

I miei prodotti preferiti Archivio

martedì

10

novembre 2015

Birre e Cioccolati l’invenzione del piacere

Scritto da , scritto in I miei prodotti preferiti, Le degustazioni

Birre e cioccolati:  Baladin e Sabadì

Se nell’immaginario comune la birra ha origine nordica, cioè in quei paesi che all’inizio del Medioevo portarono la loro cultura nei territori dell’impero romano d’occidente e assorbirono quella del vino, in realtà la storia ci dice che i primi a produrla furono i popoli del Mediterraneo, dediti alla coltivazione di prodotti della terra, come orzo e grano. Come il pane anche la birra è frutto della fermentazione di cereali.

La birra– afferma lo storico Massimo Montanari, è una sorta di pane liquido e le figurine egizie di tre-quattro millenni fa, che raffigurano donne intente a impastare il pane e a mescolare la birra, mettono fronte a fronte le due attività, figlie della medesima economia e della medesima cultura”.

Quella birra era sicuramente diversa rispetto a quelle che consumiamo oggi, più densa e agro-dolce, senza il contributo della vena amarognola che caratterizzò le birre di un’epoca successiva, quando cioè fu aggiunto il luppolo alla materia prima da fermentare. (altro…)

mercoledì

24

giugno 2015

Prosciutto di San Daniele, i 4 motivi che lo hanno reso famoso!

Scritto da , scritto in Girovagando per il Friuli Venezia Giulia, I miei prodotti preferiti

Purcità di Tonino Cragnolini (incisione dedicata al prosicutto di San Daniele)

È sufficiente nominare San Daniele del Friuli per far scoccare la scintilla di desideri gastronomici, in questo caso si tratta del prosciutto crudo prodotto in questa cittadina. La tradizione del “maiale” in verità non è esclusiva di San Daniele, il prosciutto è sempre stato prodotto in questo luogo come in altri sia del Friuli Venezia Giulia, come nel resto d’Italia o in giro per il mondo, si pensi alla Spagna, Slovenia, Croazia o alla Francia. È difficile stabilire quando sia nata la fama del San Daniele al punto da differenziarsi qualitativamente rispetto agli altri prosciutti, ma leggendo quel che è stato scritto sulla storia suinicola emergono alcuni punti fermi: (altro…)

sabato

21

febbraio 2015

Che il Montasio (di malga) diventi un “cru”

Scritto da , scritto in Girovagando per il Friuli Venezia Giulia, I miei prodotti preferiti

"Montasio"

 

Il formaggio battezzato col nome di “Montasio” è una delle eccellenze del Friuli Venezia Giulia e tra i più rinomati formaggi italiani. Divenuto nel 1996 prodotto a denominazione di origine protetta, ha una storia plurisecolare e una origine che si deve ai monaci benedettini di Moggio Udinese, paesino della montagna friulana. Un formaggio di successo, ma le parole di Elisa Bigai, nuovo direttore del Consorzio Agrario del Friuli Venezia Giulia, fan riflettere:

Il Montasio è un’eccellenza, ma a Roma e nelle grandi città è sconosciuto e introvabile” (dall’articolo L’agricoltura faccia sistema a partire dalla vetrina Expo” di Maura Delle Case – Messaggero Veneto online del 1 febbraio 2015). Si evince dunque che molto lavoro deve essere ancora fatto. (altro…)

venerdì

12

dicembre 2014

Brovada (breowan) e Pistum

Scritto da , scritto in I miei prodotti preferiti, Notizie e approfondimenti di Vinidellanima

"Brovada che si ottiene dalla rapa"

La brovada, dal termine longobardo breowan che vuol dire bollire, è la prima tra le denominazini europee Dop e Igp a non avere una attribuzione geografica a differenza del Prosciutto di San Daniele o del Prosciutto di  Parma o del Parmiggiano Reggiano e del Grana Padano…perché non esiste tale termine al di fuori dei confini friulani.
La mia intervista al giornalista Bepi Pucciarelli esperto di enogastronomia che ci racconta di brovada e pistum.

Brovada e Pistum (min 4.54)

(L’immagine di testa è stata tratta dal sito LibereRecensioni)

 

 

 

 

 

 

mercoledì

14

maggio 2014

Il Conciato Romano ode ai sapori antichi

Scritto da , scritto in I miei prodotti preferiti

"conciato romano"

Manuel Lombardi e il conciato romano

Mi si continua a rivelare scrigno di meravigliose perle questa Italia. Ma se il vino vanta poeti a non finire non gli è pari il formaggio che meriterebbe cantori sull’esempio delle Georgiche. Questa perla si chiama conciato romano, e come suggerisce il nome era già noto al tempo dei romani. Artefice della sua rinascita è la famiglia Lombardi che a Castel di Sasso dove vive ha anche un agriturismo. Questo piccolo borgo, poco più di mille anime a nord di Caserta, assieme ad altre zone limitrofe, è l’area d’origine e di produzione, anche se nulla si sa quando il conciato romano abbia fatto la sua comparsa. (altro…)