VINI DELL'ANIMA

Esperienza consapevole di vino e cibo.

autoctoni Archivio

giovedì

16

gennaio 2014

Le viti dimenticate…un patrimonio riscoperto in Friuli Venezia Giulia

Scritto da , scritto in Notizie e approfondimenti di Vinidellanima, Vitigni e vini

"Le viti dimenticate"

Le viti dimenticate” è il titolo di un prezioso volume che raccoglie i risultati di un lavoro di ricerca durato 11 anni. Sono state individuate un po’ in tutto il Friuli Venezia Giulia vecchie varietà di cui più nessuno aveva memoria. Viti messe a dimora tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900, quando sulla viticoltura si era abbattuta la scure della fillossera e gli innesti erano fatti in “casa”. L’attività dei vivai non era ancora così diffusa e comunque si privilegiavano varietà straniere. La possibilità, quindi, che fossero stati riprodotti vecchi vitigni “nostrani” era elevata, vitigni individuati nei vigneti della regione, nei filari sparsi, negli orti chiusi. (altro…)

martedì

1

ottobre 2013

Nati e Cresciuti ovverosia Autoctoni

Scritto da , scritto in Notizie e approfondimenti di Vinidellanima

Autoctoni

Mutazione del Merlot grigio

Si sente spesso parlare di vitigni autoctoni, di vitigni nostrani, ma anche di vecchie o antiche varietà locali…e la confusione nella testa dei più non può che aumentare. Non è un male avere le idee confuse ci permette una riflessione e se possibile una chiarificazione.

Partiamo da “autoctono”. La sua origine è greca, arrivato all’italiano dal francese e vuol dire “che è nato e cresciuto nel luogo ove vive”. In italiano potremmo dire anche “originario” per qualificare chi proviene da un determinato luogo o “nativo” cioè della nascita; i colonizzatori europei utilizzavano proprio questa parola per riferirsi agli indiani d’America, chiamati anche indigeni. E perché non utilizzare l’aggettivo “primitivo”, cioè “proprio di un periodo iniziale, quindi originario”? (altro…)