VINI DELL'ANIMA

Esperienza consapevole di vino e cibo.

colli orientali del friuli Archivio

martedì

28

aprile 2015

Verduzzo friulano non solo a Ramandolo

Scritto da , scritto in Vitigni e vini

"Verduzzo friulano localmente chiamato di Ramandolo"

È in una zona eletta del Friuli che a partire dalla chiesetta del paese di Ramandolo in un saliscendi di quota sino a raggiungere gli ameni colli di Tarcento e la località di Sedilis, e di qui verso est per congiungersi con il luogo votivo che si alleva il verduzzo friulano, localmente chiamato Ramandolo, nome anche dell’omonimo vino. Unico esempio in Friuli in cui il liquido porta il nome del toponimo, ossia del luogo d’origine come testimone delle peculiarità di quell’area geografica. (altro…)

mercoledì

7

gennaio 2015

Chino Ermacora padre dell’Epifania friulana e autore di Vino all’Ombra

Scritto da , scritto in Notizie e approfondimenti di Vinidellanima

"Da Il Friuli di Chino Ermacora-immagine di Tonino Cragnolini"

Il 6 gennaio in Friuli e nel resto d’Italia si osserva la festività dell’Epifania, Pifanie in friulano, festività legata ad alcuni riti. Alla vigilia della festa si benediceva l’acqua, nelle chiese il sale e la frutta, mele e pere, ma anche aglio e terra. L’aspetto probabilmente più folcloristico e scenografico era ed è l’accensione del falò, il pignarûl, in tutto il Friuli, tradizione che si riscontra anche in Veneto. Al calare della sera enormi covoni di sterpaglia e rami secchi eretti in collina, ma anche nelle piazze dei paesi, vengono incendiati. Il fuoco acceso, splendido per lo spettacolo che offre, un tempo era accompagnato da un canto composto per la circostanza. In base alla direzione del fumo del falò si pronostica come sarà l’anno da poco iniziato. Per i bambini l’Epifania è legata al personaggio mitico della befana, il cui nome è un’alterazione di Epifania. La befana è una strega alle volte benefica e regala doni ai piccoli, altre è cattiva e regala carbone e cenere. Questa in sintesi la festa dell’Epifania friulana.

Pochi probabilmente sanno che quella del pignarûl fu una festa ideata e organizzata per la prima volta il 5 gennaio 1927 a Osoppo, paese sui colli orientali del Friuli, da Chino Ermacora (assieme a Antonio Faleschini, Tita Rossi e Torquato Linzi) per far rivivere la tradizione epifanica, interrotta durante la prima guerra mondiale, con una cerimonia di straordinaria spettacolarità. (altro…)

venerdì

28

novembre 2014

Vendemmia 2014 in Friuli: intervista a Adriano Gigante

Scritto da , scritto in Notizie e approfondimenti di Vinidellanima

 

 

 

 

"Vendemmia 2014"

Quella che segue è l’intervista (minuti 3,20) realizzata a Adriano Gigante, presidente del Consorzio Friuli Colli Orientali e Ramandolo, rilasciatami durante i giorni di Einprosit a Malborghetto (Udine) sull’andamento della vendemmia 2014 in Friuli e qualche previsione sulla qualità dei vini.

Vendemmia 2014: intervista a Adriano Gigante presidente del Consorzio Friuli Colli Orientali e Ramandolo

PS: in primo piano il vigneto dell’azienda Canus a Corno di Rosazzo (Udine) e all’orizzonte l’orografia delle prealpi Giulie.

venerdì

24

ottobre 2014

Il Sauvignon del Friuli Venezia Giulia nel panorama viticolo mondiale

Scritto da , scritto in Notizie e approfondimenti di Vinidellanima, Vitigni e vini

"Sauvignon"

Nel mondo ci sono 110 mila ettari coltivati a Sauvignon. Francia e Nuova Zelanda detengono la maggior superficie dedicata a questa varietà. 25 mila ettari la prima 16 mila la seconda, paesi come l’Australia Sud Africa Cile California hanno circa 5000 ettari, mentre l’Italia ne ha 3500. Di questi più di 1500 ettari si trovano in Friuli Venezia Giulia (perlopiù nel Collio e Colli Orientali). (altro…)

martedì

3

giugno 2014

L’IGT Venezia Giulia è un’indicazione geografica errata

Scritto da , scritto in Notizie e approfondimenti di Vinidellanima

"IGT Venezia giulia"

 

L’indicazione geografica tipica è un’indicazione geografica errata. Non si tratta di uno slogan e la questione non è di poco conto. Qualche giorno fa è stato pubblicato su “Il Quotidiano” (fvg) l’articolo “Venezia Giulia, un’indicazione geografica doppia ed errata” a firma Gianfranco Ellero, storico friulano e esperto di marketing. Già dalle prime righe si intuisce l’importanza del problema sollevato. Ma andiamo per gradi. (altro…)