VINI DELL'ANIMA

Esperienza consapevole di vino e cibo.

Friuli Archivio

mercoledì

7

gennaio 2015

Chino Ermacora padre dell’Epifania friulana e autore di Vino all’Ombra

Scritto da , scritto in Notizie e approfondimenti di Vinidellanima

"Da Il Friuli di Chino Ermacora-immagine di Tonino Cragnolini"

Il 6 gennaio in Friuli e nel resto d’Italia si osserva la festività dell’Epifania, Pifanie in friulano, festività legata ad alcuni riti. Alla vigilia della festa si benediceva l’acqua, nelle chiese il sale e la frutta, mele e pere, ma anche aglio e terra. L’aspetto probabilmente più folcloristico e scenografico era ed è l’accensione del falò, il pignarûl, in tutto il Friuli, tradizione che si riscontra anche in Veneto. Al calare della sera enormi covoni di sterpaglia e rami secchi eretti in collina, ma anche nelle piazze dei paesi, vengono incendiati. Il fuoco acceso, splendido per lo spettacolo che offre, un tempo era accompagnato da un canto composto per la circostanza. In base alla direzione del fumo del falò si pronostica come sarà l’anno da poco iniziato. Per i bambini l’Epifania è legata al personaggio mitico della befana, il cui nome è un’alterazione di Epifania. La befana è una strega alle volte benefica e regala doni ai piccoli, altre è cattiva e regala carbone e cenere. Questa in sintesi la festa dell’Epifania friulana.

Pochi probabilmente sanno che quella del pignarûl fu una festa ideata e organizzata per la prima volta il 5 gennaio 1927 a Osoppo, paese sui colli orientali del Friuli, da Chino Ermacora (assieme a Antonio Faleschini, Tita Rossi e Torquato Linzi) per far rivivere la tradizione epifanica, interrotta durante la prima guerra mondiale, con una cerimonia di straordinaria spettacolarità. (altro…)

venerdì

12

dicembre 2014

Brovada (breowan) e Pistum

Scritto da , scritto in I miei prodotti preferiti, Notizie e approfondimenti di Vinidellanima

"Brovada che si ottiene dalla rapa"

La brovada, dal termine longobardo breowan che vuol dire bollire, è la prima tra le denominazini europee Dop e Igp a non avere una attribuzione geografica a differenza del Prosciutto di San Daniele o del Prosciutto di  Parma o del Parmiggiano Reggiano e del Grana Padano…perché non esiste tale termine al di fuori dei confini friulani.
La mia intervista al giornalista Bepi Pucciarelli esperto di enogastronomia che ci racconta di brovada e pistum.

Brovada e Pistum (min 4.54)

(L’immagine di testa è stata tratta dal sito LibereRecensioni)

 

 

 

 

 

 

venerdì

28

novembre 2014

Vendemmia 2014 in Friuli: intervista a Adriano Gigante

Scritto da , scritto in Notizie e approfondimenti di Vinidellanima

 

 

 

 

"Vendemmia 2014"

Quella che segue è l’intervista (minuti 3,20) realizzata a Adriano Gigante, presidente del Consorzio Friuli Colli Orientali e Ramandolo, rilasciatami durante i giorni di Einprosit a Malborghetto (Udine) sull’andamento della vendemmia 2014 in Friuli e qualche previsione sulla qualità dei vini.

Vendemmia 2014: intervista a Adriano Gigante presidente del Consorzio Friuli Colli Orientali e Ramandolo

PS: in primo piano il vigneto dell’azienda Canus a Corno di Rosazzo (Udine) e all’orizzonte l’orografia delle prealpi Giulie.

martedì

30

settembre 2014

Gusti di Frontiera tra cibo allegria e Bonum Vinum del Collio

Scritto da , scritto in Le degustazioni, Vino e cibo a tavola

"Gusti di Frontiera"

Folle compite di mangiatori e bevitori a Gusti di Frontiera e un denominatore comune: lo stare assieme in allegria e conoscere le reciproche cucine per trovarvi differenze e similitudini. Poco importa poi se il commensale a fianco parla serbo-croato ucraino ungherese francese o una delle altre lingue che si sono intrecciate nei giorni della manifestazione goriziana. Infondo ci si può capire anche solo con uno sguardo o un gesto. Ovunque c’erano fuochi che ardevano, alari che s’arroventavano alla fiamma, tegami colmi di carni, spiedi che arrostivano lenti. E poi pesci verdure formaggi, dolci deliziosi d’ogni luogo. Birre liquori e magnifici vini, perlopiù del Collio. Tra gli assaggi ve n’è stato uno che ti voglio raccontare. In via Rastello (altro…)

mercoledì

11

dicembre 2013

Viticoltura sostenibile un progetto friulano per il Friuli Venezia Giulia

Scritto da , scritto in Notizie e approfondimenti di Vinidellanima

Viticoltura sostenibile se ne parla con Giovanni Bigot e Paolo Ianna"

Viticoltura sostenibile, progetti di sostenibilità ambientale se ne sente parlare diffusamente, ma il concetto ancora sfugge. Sempre più spesso le aziende viticole si interrogano “sull’impronta ecologica” del loro operato in campagna: ad esempio, quanta acqua viene consumata per produrre un litro di vino o quanta anidride carbonica viene emessa dal processo di produzione, ma un progetto codificato di viticoltura sostenibile, applicabile in ogni contesto ambientale, e che permetta di produrre un vino di qualità, non esiste ancora e questo è il limite dei tanti progetti esistenti in Italia. (altro…)